Psichiatra uccisa: a giudizio ex Dg Asl

Il gup di Bari ha rinviato a giudizio sei persone, tra cui l'ex Dg della Asl Bari Domenico Colasanto, per la morte di Paola Labriola, la psichiatra uccisa il 4 settembre 2013 da un paziente mentre era a lavoro nel Centro di salute mentale. Il processo che riguarda le presunte responsabilità della Asl per la carenza di dispositivi di sicurezza nella struttura. La Procura contesta a Colasanto i reati di morte come conseguenza di altro delitto, omissione di atti d'ufficio e induzione indebita a dare o promettere utilità. In concorso con l'ex dg rispondono di induzione indebita l'ex segretario di Colasanto, Antonio Ciocia, e un altro dipendente della Asl, Giorgio Saponaro, per aver "pressato con insistenza" il funzionario Asl Alberto Gallo nella predisposizione dei falsi documenti di valutazione dei rischi. Sono inoltre accusati di falso lo stesso Gallo e altri due funzionari, Baldassarre Lucarelli e Pasquale Bianco. Per il delitto è stato invece condannato in appello a 30 anni il 40enne Vincenzo Poliseno.

ANSA

Altre notizie

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Bari

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...